Col Gentile da Mione

C’è uno strano abbinamento di eventi che unisce l’idraulica al mondo dello Hike & Fly. Si tratta dell’accensione della caldaia della casa di Fabiano a Ravascletto; il tutto richiede 10 minuti, ma entrambi ci prendiamo una giornata libera per espletare al meglio questo gesto tecnico e per…. risalire e poi volare da una delle cime presenti nelle vicinanze.
Lo scorso anno era toccato al Valsecca e per quest’anno, grazie alle dritte di Eros, ci prepariamo per salire il Col Gentile partendo da Mione.

Lanciamo l’idea sui social ed alla chiamata risponde Franz di Tarvisio e con me e Fabiano entriamo a Mione per verificare il prato di atterraggio e parcheggiare l’auto. Il luogo prescelto è a sud del piccolo paese e dopo aver fissato la manica a vento portata da Franz, iniziamo a salire per la strada che porta a casera Valinia. Per raggiungerla non ci sono problemi, visto che la strada sterrata è percorribile anche dalle auto, invece il tratto che dalla Casera porta al sentiero CAI 235, ci crea qualche problema. Le tracce indicate sulla mappa non sono per nulla evidenti e procediamo grazie alle indicazioni fornite dallo smartphone di Fabiano. Ad un certo punto troviamo il sentiero, ma io decido di tagliare per i prati in modo da arrivare direttamente alla cresta erbosa in cui troveremo il sentiero CAI 235. Decisione pessima! Mentre Franz e Fabiano procedono senza grosse difficoltà per il ripido sentiero, io mi trovo fra gruppi di pino mugo, roccette, precipizi erbosi molto esposti e tratti di ghiaccio! Insomma me la sono vista bruttina (anche se mi sono divertito), dopo quasi un’ora ci ritroviamo e in circa 30 minuti raggiungiamo facilmente la cima del Col Gentile.

Qui il panorama è molto suggestivo visto che siamo fra le valli del Degano, Tagliamento e conca Sauriana. Un vero spettacolo a cui, per mia fortuna, non mi sono per nulla assuefatto. Purtroppo sembra sfumare la possibilità di decollare dalla cima visto il vento troppo debole e proveniente da sud-ovest. Il miglior vento per partire dalla cima del Col Gentile sembra essere il nord-est, mentre verso sud-ovest la pendenza del terreno è troppo ripida per pensare di poter correre. Insomma senza un buon vento non si parte da qui e decidiamo di fare una breve pausa per poi andare a decollare in località Forca che si trova nella parte sommitale della strada che collega Mione a Lateis. Partiamo e….. dopo 20 metri ci fermiamo! Anzi a dirla tutta sono proprio io ad insistere per decollare da qui visto che il vento da sud-ovest è improvvisamente rinforzato e quindi tutto cambia. Con il vento forte, la rincorsa non serve e al limite l’unico problema è il controllo della vela durante il gonfiaggio. Ottimo!
In 5 minuti mi preparo ma purtroppo il vento cala, non di molto ma torna a diventare un decollo molto tecnico e delicato vista la presenza di precipizi nelle vicinanze. Provo a partire alla francese (spalle al vento), ma non appena mi giro per la rincorsa, la vela si chiude e dopo 4-5 tentativi decido di decollare fronte vento. Decisione vincente! La vela sale velocemente e dopo pochi passi mi trovo in volo.


Le condizioni dell’aria sono perfette, senza turbolenza e senza venti forti che potrebbero ostacolare il mio rientro in volo a Mione. Ogni tanto mi volto verso il Col Gentile per vedere su Franz e Fabiano sono partiti ma vedo solo vele sollevarsi per poi tornare al suolo. Evidentemente le condizioni non sono variate e infatti Fabiano decolla con un po’ di fatica mentre Franz deve desistere visto che dopo un po’ il vento cessa completamente rendendo impossibile decollare.

L’atterraggio a Mione è davvero facile anche se trovo un leggero vento a favore. Arriva a Mione anche Fabiano e avvisiamo Franz che saremmo saliti con l’auto fino a Forchia per dargli un passaggio a fondovalle. Giungiamo in cima in poco tempo grazie alla bella strada asfaltata e mentre aspettiamo Franz, valuto che potrei fare un secondo volo! Quando vedo Franz nei pressi del passo Forchia, salgo un piccolo rilievo con l’intenzione di preparare l’attrezzatura e poi scendere insieme in volo, ma così non sarà vista la vela di Franz annodata e quindi faccio in solitaria un secondo volo, forse più bello del primo visto che in precedenza ero un po’ in ansia non vedendo le vele dei miei amici in volo.

Ora non ci resta che bere una birra in atterraggio, andare a Comeglians per salutare Federico del gruppo Pignau e finalmente ci siamo…. si, finalmente siamo finalmente arrivati a Ravascletto per aprire la caldaia della casa di Fabiano.

 

Scarica

basecumulo

Hike & Fly Col Gentile

Difficoltà decollo H&F

Difficolta' 2+
Legenda difficoltà »

Possibili decolli

La cima del Col Gentile è decollabile. Giusto dietro alla cima, c’è un prato abbastanza ampio per aprire una vela ed eseguire il gonfiaggio con facilità. Poi con venti da nord-est si parte facilmente, un po’ più delicato il decollo da sud-ovest a causa della pendenza elevata del terreno.

Possibili atterraggi

Diversi prati a sud e a nord dell’abitato di Mione.

Parcheggio

Nei pressi dei prati su cui si prevede l’atterraggio.

Quota minima: 700mt
Quota massima: 2076mt

Da Mione alla casera Valinia per rotabile. Poi tracce fino al sentiero CAI 235 che conduce alla vetta.

Coordinate decollo: 46.4665, 12.8053
Coordinate atterraggio: 46.4762, 12.8539

A proposito delle informazioni tecniche di questo articolo.. leggi il disclaimer!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.